Il Piano di azione Nazionale Beni Confiscati e Politica di Coesione

La valorizzazione sociale ed economica dei beni immobili e delle aziende confiscate alla criminalità organizzata ha una valenza paradigmatica rispetto alla capacità di intervento coordinato ed efficace tra istituzioni e società civile. Lo strumento programmatico per l’utilizzo dei beni immobili, mobili e aziendali confiscati alla criminalità organizzata per finalità di economia e inclusione sociale è un Piano nazionale di intervento. La politica di coesione europea e nazionale 2014-2020 fornisce il principale di supporto sia della governance del Piano, sia all’attuazione degli interventi concreti da parte dei vari attori coinvolti.

Studiare Sviluppo fornisce assistenza tecnica per potenziare e qualificare la capacità di gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata da parte dei soggetti preposti (Agenzia nazionale per i beni confiscati, Tribunali, Ministeri, Prefetture, Regioni, Enti locali, Organizzazioni del terzo settore, etc.), attraverso il disegno e l’implementazione di modelli e strumenti di governance e lo sviluppo delle relative competenze. Inoltre, Studiare Sviluppo è impegnata nella definizione di nuovi modelli e strumenti di gestione dei beni confiscati, orientandone l’utilizzo verso fini sociali di servizio pubblico per i cittadini, le comunità locali e per creare nuova occupazione.

Gli interventi sugli immobili da realizzare riguardano:

  • Spazi per housing sociale
  • Spazi per servizi sociali di assistenza
  • Spazi urbani di comunità
  • Spazi per creatività, innovazione e l’economia sociale
  • Reti territoriali di turismo sociale ed etico
  • Spazi per botteghe dei mestieri
  • Cooperative per l’agricoltura sociale

Inoltre, si fornisce accompagnamento e sostegno per la transizione verso la legalità delle aziende confiscate alla criminalità organizzata, salvaguardando così l’occupazione dei lavoratori e la vitalità del territorio. In questo ambito, gli interventi previsti sono:

–     Azioni per prevenire situazioni di crisi e per salvaguardare posti di lavoro

–     Formazione manageriale e specialistica

–     Pacchetti integrati di agevolazione per la transizione alla legalità delle aziende e progetti di riqualificazione industriale

–     Contratti di rete per la legalità con le imprese sane del Made in Italy

–     Accesso al credito e Fondo di garanzia per le PMI