Politiche di coesione: 10,4 miliardi per la ripresa post Covid-19

Un accordo che permetterà di ri-programmare parte delle risorse per destinarle ad interventi di rilancio post emergenza sanitaria.

Nei giorni scorsi il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale, a seguito del lavoro preparatorio del Dipartimento delle Politiche di coesione, dell’Agenzia per la coesione territoriale e delle Autorità di gestione ha firmato un accordo con i ministri di gestione dei fondi europei e con le singole regioni, il cui fine è quello di massimizzare le risorse da utilizzare per l’emergenza.

I regolamenti UE 2020/460 e 2020/558, difatti, hanno introdotto margini significativi di flessibilità nell’utilizzo dei fondi strutturali così da poter mettere in campo risorse a sostengo delle azioni di contrasto efficiente dell’emergenza sanitaria, economica e sociale causata, negli scorsi mesi, dalla pandemia di Coronavirus e dal lockdown.

Il risultato delle riprogrammazione di queste risorse sono circa 10,4 miliardi di euro: dal FESR e dal FSE sono arrivati circa 5,4 miliardi a valere sui PON mentre dall’accordo con le regioni sono stati riprogrammati circa 5 miliardi a valere sui POR in quali potrebbero vedere un incremento intervenendo su alcuni programmi nazionali e regionali (tra cui quelli di Sicilia e Sardegna).

Il tutto vedrà, comunque, delle clausole di garanzia che tuteleranno la destinazione territoriale delle risorse impedendo quanto avvenuto nelle crisi precedenti, e cioè che le misure anticongiunturali fossero finanziate con risorse già destinate alle regioni meno sviluppate.

Leggi qui la news sul sito dell’Agenzia per la Coesione territoriale

Leggi qui per gli approfondimenti

TAG Correlati

Agenzia per la Coesione | Coesione | COVID-19 | EU