PNRR e “bando borghi” al centro dell’incontro fra i giovani delle aree interne e il Ministro della Cultura

Il 18 gennaio 2022 si è svolto l’incontro online fra i giovani delle aree interne e Ottavia Ricci, la Consigliera del Ministro della Cultura per la valorizzazione e la promozione del patrimonio diffuso italiano, sui temi del PNRR e “bando borghi”.

Il progetto Officine Coesione, finanziato dal Pon Governance e Capacità istituzionale e realizzato dall’Agenzia per la Coesione Territoriale con il supporto di Studiare Sviluppo, ha organizzato un webinar sul bando per mettere a confronto giovani e ministero: molti giovani amministratori, ricercatori e progettisti della rete dei giovani delle aree interne avevano, infatti, manifestato la necessità di approfondire questi temi.

Un’occasione importante per condividere necessità e dubbi, e per spiegare i meccanismi del bando “Borghi”, dedicato ai piccoli borghi storici, e finalizzato a promuovere progetti per la rigenerazione, valorizzazione e gestione del patrimonio di storia, arte, cultura e tradizioni presenti nei piccoli centri italiani, integrando obiettivi di tutela del patrimonio culturale con le esigenze di rivitalizzazione sociale ed economica, di rilancio occupazionale e di contrasto dello spopolamento.

Nei giorni scorsi attraverso il profilo Facebook dell’Officina Giovani Aree Interne è stata anche lanciata una call per selezionare i cinque giovani per un confronto in diretta con la Consigliera del Ministro. Per tutti gli altri è stata comunque disponibile la diretta sulla pagina Facebook dell’Officina.

Il bando rappresenta un’occasione unica per le aree interne perché coniuga riqualificazione degli spazi pubblici, rigenerazione del patrimonio storico-architettonico, attivazione di iniziative imprenditoriali e commerciali che creino ricadute occupazionali sul territorio.

Destinatari dell’Avviso sono i piccoli comuni, singoli o aggregati, con popolazione residente fino a 5000 abitanti nei quali sia presente un borgo storico chiaramente identificabile e riconoscibile.

 

TAG Correlati

2014-2020 | ACT | officine coesione | PON GOV

Studiare Sviluppo si trasforma in

Eutalia rappresenta la nostra nuova identità con un cambio di passo verso nuovi traguardi.

Il nome Eutalia nasce, infatti, dalla fusione di Europa e Italia, sintetizzando non solo i due ambiti di operatività della Società – quello nazionale e quello internazionale – ma soprattutto evidenziando il ruolo che siamo chiamati a svolgere nel nuovo contesto europeo.

Con decorrenza 7 marzo 2022 la ragione sociale della nostra Società varia da Studiare Sviluppo s.r.l. alla nuova Eutalia s.r.l., sede, codice fiscale, partita Iva e numeri telefonici rimangono invariati.