Open Pompei STVDIVM: open data e scambio di conoscenze in area archelologica

Il 6 marzo 2015, parte lo STVDIVM: spin-off del Progetto OpenPompei, un seminario di 3 giorni sugli Open Data in archeologia per un numero massimo di 30 partecipanti – 20 selezionati da OpenPompei e 10 dal MiBACT– che si terrà proprio nell’area archeologica di Pompei, presso l’Auditorium dell’Area Archeologica. 

L’ iniziativa lanciata da Studiare Sviluppo, in collaborazione con il Segretariato Generale del MiBACT, la Soprintendenza Speciale per i Beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia e la Direzione Generale del Grande Progetto Pompei, si occuperà dei principali aspetti legati al ciclo di vita dei dati aperti in campo archeologico, dalla creazione all’utilizzo finale: individuando dove reperire i dati e definendo la loro natura, il loro uso, l’interscambiabilità tra le diverse banche dati, la loro comunicazione e pubblicazione con un preciso riguardo agli aspetti etici e legali.

Lo STVDIVM è strutturato, quindi, come occasione concreta per lavorare con i dati, attraverso una serie di attività teoriche e soprattutto pratiche, che non richiederanno una formazione informatica specifica preliminare.

Per candidarsi, infatti, non è necessario avere una formazione informatica specifica o essere già degli esperti nell’utilizzo dei dati aperti: la partecipazione è aperta a professionisti, ricercatori e studenti, senza limiti di età per partecipare.

La selezione è in corso sul sito di Studiare SviluppoLa candidatura va inviata entro e non oltre il 10 febbraio 2015 con allegato un curriculum vitae di massimo 4 pagine e una lettera motivazionale di max  2000 battute, al seguente indirizzo: selezione@studiaresviluppo.it

La partecipazione ai tre giorni dello STVDIVM a Pompei è gratuita.

 

 

 

 

 

 

 

TAG Correlati

DPS | open data | OpenPompei | Pompei | PON GAT | QSN | Studivm

TAG Correlati

DPS | open data | OpenPompei | Pompei | PON GAT | QSN | Studivm