Competenze digitali: l’Italia entra nella “Coalizione europea”

Colmare le diverse forme di digital divide, favorire l’inclusione digitale e promuovere nuove competenze professionali.

Il Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione – PCM ha lanciato, negli scorsi giorni, la “Coalizione Italia” che aderisce alla “Colazione per le competenze e le professioni digitali” della Commissione europea.

Le coalizioni nazionali sono partenariati tra diversi soggetti che negli Stati membri lavorano insieme per migliorare le competenze digitali dei cittadini  a livello nazionale, regionale o locale: riuniscono aziende ICT, ministeri, servizi per l’impiego pubblici e privati, associazioni, organizzazioni senza scopo di lucro e parti sociali, che sviluppano misure concrete per portare le competenze digitali a tutti i livelli della società.

Con l’adesione oggi sono 24 i Paesi che partecipano al programma. A livello nazionale, invece, aderiscono al progetto Repubblica Digitale oltre 90 soggetti pubblici e privati, per un totale di oltre 100 iniziative, coordinati da un comitato interministeriale guidato dal Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

Repubblica Digitale è un’iniziativa multistakeholder lanciata a maggio 2019 per promuovere l’inclusione digitale e l’adeguamento delle competenze per il lavoro (attraverso campagne di sensibilizzazione e percorsi formativi di upskilling e reskilling) a tutti i livelli dell’economia e della società italiana, favorendo partnership tra soggetti pubblici, mondo no profit e privati attraverso l’adesione a un Manifesto per l’inclusione digitale.

Per maggiori informazioni clicca qui.

TAG Correlati

ICT | PCM

TAG Correlati

ICT | PCM