10 proposte di policy per la partecipazione nelle aree interne

Sono consultabili on line le 10 proposte sul tema della partecipazione nelle aree interne emerse dai lavori dell’Officina Partenariale Sperimentale partecipazione delle Aree Interne, uno degli strumenti del Progetto Officine Coesione a supporto del Comitato Tecnico Aree Interne.
Il documento sintetizza problematiche, soluzioni e strumenti individuati durante i lavori dell’Officina per la messa a terra di 10 proposte di policy alla cui redazione hanno contribuito oltre 30 soggetti appartenenti al mondo del terzo settore, portatori di esperienze sul tema della partecipazione nelle AI.
Il processo che ha portato alla definizione delle proposte di policy si è sviluppato in tre fasi.
Si è partiti con la costituzione di un gruppo di lavoro con compiti di regia, mappatura dei partner pertinenti da coinvolgere, definizione degli obiettivi e delle modalità di lavoro e redazione di un documento driver per facilitare la partecipazione attiva di soggetti su una base informativa comune.
Il secondo step è stato quello della consultazione, attraverso un’indagine on-line, dei partner coinvolti per definire gli ambiti prioritari di policy. Dalla consultazione sono emersi tre temi prioritari: design del processo partecipativo; gestione condivisa dei beni e servizi nelle AI; attori e ruoli della partecipazione nelle AI.
L’ultima fase è stata quella della co-progettazione delle proposte di policy, attraverso due tavoli di lavoro on-line svolti nel maggio dello scorso anno, che hanno visto la partecipazione dei partner pertinenti nell’elaborazione di proposte di policy sui temi ritenuti prioritari.
L’Officina Partenariale Sperimentale dedicata alla partecipazione delle Aree Interne (AI) è uno spazio di lavoro, a supporto del Comitato Tecnico Aree Interne (Ctai), in collaborazione con Cittadinanzattiva Onlus, ActionAid Italia Onlus e Aip2 Italia.
L’obiettivo dell’Officina Sperimentale è quello di accompagnare la costituzione, e legittimare, una rete di soggetti attivi sulla partecipazione nelle aree interne, come riferimento per l’individuazione di un modello partecipativo sostenibile applicabile alla SNAI.

TAG Correlati

Aree interne | officine coesione

Studiare Sviluppo si trasforma in

Eutalia rappresenta la nostra nuova identità con un cambio di passo verso nuovi traguardi.

Il nome Eutalia nasce, infatti, dalla fusione di Europa e Italia, sintetizzando non solo i due ambiti di operatività della Società – quello nazionale e quello internazionale – ma soprattutto evidenziando il ruolo che siamo chiamati a svolgere nel nuovo contesto europeo.

Con decorrenza 7 marzo 2022 la ragione sociale della nostra Società varia da Studiare Sviluppo s.r.l. alla nuova Eutalia s.r.l., sede, codice fiscale, partita Iva e numeri telefonici rimangono invariati.