Attività di individuazione di nuove metodologie di finanziamento di infrastrutture energetico-ambientali secondo la tecnica del c.d. “Project Bond”

Lo strumento del project bond costituisce una nuova frontiera nel finanziamento di infrastrutture e servizi di pubblica utilità: sia per nuovi progetti, sia per il rifinanziamento di debito già contratto su opere e infrastrutture esistenti. Il settore energetico-ambientale (fotovoltaico, eolico, rigassificatori, gasdotti, elettrodotti, acquedotti e stoccaggio, impianti di depurazione) evidenzia un forte fabbisogno infrastrutturale e costituisce un ambito privilegiato e particolarmente indicato per l’utilizzo dello strumento del project bond. Studiare Sviluppo, nell’ambito di una Convenzione sottoscritta con il Ministero dell’Ambiente della Tutela del territorio e del Mare di durata annuale, ha seguito le attività di supporto tecnico su iniziative di carattere sperimentale e specialistico condotte dalla Direzione Generale per lo Sviluppo sostenibile, il Clima e l’Energia, effettuando uno studio preliminare con l’obiettivo di approfondire i diversi profili operativi dello strumento del project bond, con specifico riguardo al settore delle infrastrutture ambientali ed energetiche. Le principali fasi dello studio sono:

•     l’analisi della normativa e della prassi (nazionale e internazionale) sul tema del project bond e, più in generale, del finanziamento di infrastrutture ambientali;

•     lo studio dei project bond UE, con specifico riferimento al ruolo della BEI e di altre istituzioni finanziarie;

•     l’evidenza delle problematiche che limitano l’uso del project bond: il passaggio dalla valutazione di bancabilità di progetto al rating dell’infrastruttura;

•     la definizione di una metodologia per il rating di infrastrutture energetico-ambientali, con istruttoria e gestione di uno/due casi pilota che portino alla elaborazione di standards e best practices;

•     l’eventuale “codificazione” di tali standards e best practices all’interno di un vademecum che abbia un valore di soft law nel settore;

•     la valutazione di norme e/o regolamenti che stimolino la cultura del rating infrastrutturale e promuovano il ricorso allo strumento del project bond.