A Roma il primo Comitato di Pilotaggio del Progetto europeo SEED Maintenance e Development

seed maintenance and development project

Il 15 giugno 2017 si è tenuto a Roma – con il supporto della DG TAXUD e della DG NEAR dell’Unione Europea– il primo Comitato di Pilotaggio del Progetto europeo SEED Maintenance e Development.
Il SEED è una piattaforma informatica, realizzata con finanziamenti comunitari, attraverso la quale sono scambiate informazioni in tempo reale tra le Amministrazioni doganali di sei Paesi dell’Area balcanica (Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Macedonia, Montenegro e Serbia) per sostenere il commercio lecito nell’area e combattere le frodi e le irregolarità in materia doganale.
La prima fase del progetto è già stata realizzata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che, nel 2013, si era aggiudicata il tender dell’UE.
Per assicurare continuità e supporto tecnico al Progetto la Commissione ha affidato ancora all’Agenzia il nuovo incarico di provvedere alla manutenzione e all’ulteriore implementazione del sistema, sostenendone i costi per ulteriori 24 mesi. La nuova fase del Progetto contempla l’estensione del piano delle attività a nuovi ambiti (rimborsi IVA, proprietà intellettuale, controlli scanner, AEO) e prevede il suo sviluppo a beneficio anche di altre Amministrazioni non doganali con un progetto pilota di integrazione telematica per un ulteriore e più ampio programma di cooperazione nei Balcani.

All’evento hanno preso parte il Direttore dell’Agenzia, Giuseppe Peleggi, e i Direttori Generali delle dogane e di altre Amministrazioni dei Paesi beneficiari dell’Area balcanica coinvolte nelle diverse fasi autorizzatorie del commercio internazionale, nonché i rappresentanti del Segretariato CEFTA (Central European Free Trade Agreement) e dell’EULEX Kosovo.

L’evento di Roma ha avuto, quale principale obiettivo, la presentazione dei risultati delle attività sinora svolte, nonché la discussione circa le prossime iniziative da intraprendere, anche in vista del Vertice annuale dei Balcani Occidentali che si terrà a Trieste il 12 luglio 2017, nell’ambito del c.d. “processo di Berlino”. In tale sede potrebbe, infatti, essere discusso il Piano di Azione in materia di facilitazione al commercio dell’area balcanica, che, tra l’altro, considera il futuro “SEED+”, quale progetto di riferimento per stimolare lo sviluppo dei Paesi beneficiari.

Approfondimenti

SEED Maintenance and Development